Come fare SEO su WordPress: strumenti e consigli utili

Come fare SEO su WordPress: strumenti e consigli utili

Cos’è la SEO?

Con l’acronimo SEO (Search Engine Optimization) si definiscono tutte le attività di ottimizzazione di un sito web, utili a migliorarne il posizionamento nei risultati organici dei motori di ricerca.
Fare SEO non è affatto un’attività semplice in quanto gli algoritmi dei motori di ricerca vengono aggiornati costantemente. Oggi, possiamo sicuramente affermare che, seppure in costante evoluzione, l’algoritmo di Google si basa principalmente su 4 fattori:
  • Contenuti
  • Popolarità
  • Reputazione
  • Link
Una buona strategia SEO richiede numerosi strumenti in grado di analizzare dati e informazioni, alcuni di essi forniti gratuitamente dai motori di ricerca. In questo articolo troverai alcuni consigli utili per iniziare nel migliore dei modi a fare SEO su WordPress.

8 consigli per fare SEO su WordPress?

1) Non essere ossessionato dal ranking

Se hai appena iniziato a fare SEO, un consiglio fondamentale è quello di non essere ossessionato dal ranking, piuttosto concentrati sulla crescita globale del tuo sito.

Ricorda che ottenere una buona posizione nella SERP (Search Engine Result Pages) di un motore di ricerca è un processo che può durare mesi.

Per verificare il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca puoi utilizzare Serprobot.

2) Scegli dominio e hosting di qualità

I motori di ricerca tengono conto della velocità come fattore di ranking. Un buon servizio web hosting influenzerà la velocità di caricamento della pagina consentendoti di essere sempre raggiungibile dagli utenti e dallo spider del motore di ricerca.

Per diminuire i tempi di caricamento delle pagine e migliorare l’esperienza degli utenti puoi utilizzare un plugin di caching, riducendo il carico sul server web. Uno di questi plug-in è W3 Total Cache.

Velocizzare sito con W3 Total Cache
Ovviamente devi scegliere anche un buon dominio. Ti consigliamo di optare per un dominio con certificato SSL.

3) Installa Yoast SEO

Yoast SEO è il miglior plugin per fare SEO su WordPress, utile per ottimizzare i contenuti ed altri aspetti del tuo sito in modo che questo possa posizionarsi sempre meglio su Google.

Quello che devi fare è Installare Yoast SEO sul tuo sito e accedere alla procedura di configurazione guidata.  Potrai scegliere se visualizzare funzionalità come: analisi SEO, leggibilità, contenuto cornerstone.

Il plugin ti permette anche di i gestire la  Sitemap XML del tuo sito. Una Sitemap è un documento che contiene la lista di tutte le pagine del sito e aiuterà i crawler dei motori di ricerca ad indicizzarle.

Aprendo la scheda Content types, inoltre, potrai impostare le varie opzioni relative agli articoli e alla loro visibilità nei risultati delle ricerche organiche. I titoli del blog e dei post sono fondamentali per quanto riguarda la SEO del tuo sito.
Presta attenzione anche alle meta description. Quest’ultime, pur non avendo un effettivo valore per la SEO, sono decisive: una meta description ben fatta è in grado di attirare più visitatori al tuo sito.

4) Rendi il tuo sito mobile friendly

Sito responsive per corretta visualizzazione da mobile
Questo aspetto viene premiato dai motori di ricerca. Utilizza un tema responsive che possa permettere al tuo sito di essere correttamente visualizzato e utilizzato anche da mobile.

5) Non riempire la pagina di keyword inutili

Riempire di keyword una pagina, a discapito della qualità dei contenuti, è uno dei principali motivi di penalizzazione dei motori ricerca. Tuttavia, se usate correttamente, le keyword hanno un ruolo fondamentale in una strategia SEO.
Di seguito, ti consigliamo 3 tools utili per la ricerca delle parole chiave.

1) Google Keyword Planner, raggiungibile dalla suite online Google Ads è lo strumento di ricerca keyword più utilizzato. Il tool restituisce diverse informazioni sulle keyword come i volumi di ricerca ed è in grado di suggerire nuove parole da utilizzare in relazione a un sito web o a una frase.

2) Google trend permette non solo di conoscere il trend delle parole, ma anche ottenere un grafico con l’andamento delle keyword in dato arco temporale.

3) Keyword Sheeter: una volta inserite le parole chiave, ricerca frasi composte dalle keyword indicate e le arricchisce formulando le cosiddette long tail o parole chiave a coda lunga, ovvero delle frasi con un basso volume di ricerca ma che possono fare registrare un alto tasso di conversione, in quanto molto specifiche.

6) Ottimizza le immagini

Comprimendo e ridimensionando le immagini riduci anche il peso della pagina, migliorando di conseguenza le prestazioni di caricamento. Ottimizzare un’immagine significa anche contestualizzarla rispetto all’argomento che si sta trattando. Usa l’attributo alt per inserire la descrizione dell’immagine utilizzando possibilmente una parola chiave.

7) Usa link interni ed esterni

Backlink per migliorare il posizionamento SEO
Le informazioni contenute nei link sono fondamentali per i motori di ricerca.
Direziona link alla Home Page e alle pagine interne del tuo sito legate all’argomento che stai trattando.
Privilegia sempre link testuali (anchor text). La presenza di keyword nell’anchor text migliora la pertinenza delle keyword usate nella pagina di destinazione.  Oltre ad inserire una keyword nell’anchor text è importante una descrizione significativa: il link deve essere inserito in un discorso sensato.

Assicurati, inoltre, di non avere link rotti, ovvero link che non portano da nessuna parte, causando un errore 404.  Per aggiustare i link rotti utilizza il plugin Broken Link Checker in quanto un sito che presenta errori 404 viene considerato poco attendibile e trascurato.

Scegli backlink mirati che si riferiscono a contenuti ben indicizzati su Google. Non avere link con siti di spam o che hanno ricevuto penalizzazioni, altrimenti anche il tuo sito verrà penalizzato da Google.

Un link proveniente da un sito autorevole può far guadagnare diverse posizioni su Google, ma ottenerli in maniera naturale non è facile. Generalmente questi link vengono acquisiti attraverso scambi con altri webmaster.

Una volta messa in piedi una strategia di link building bisogna monitorare i link. Per fare ciò vi consiglio di utilizzare tools a pagamento specializzati Majestic SEO o Monitor Backlinks.

8) Analizza la SEO

Esperto seo a Milano per aumentare traffico del sito
Di seguito ti proponiamo alcuni tools che possono aiutarti a comprendere lo stato del tuo sito e come intervenirne per migliorarne le prestazioni.

Seo Tester Online è uno dei tool più semplici da utilizzare ed in grado di fornire una panoramica generale dello stato dell’ottimizzazione per i motori di ricerca dei siti web informazioni come l’ottimizzazione on page, la velocità di caricamento delle pagine, la compatibilità con i dispositivi mobili.

Anche Google Analytics ci restituisce informazioni molto preziose, in grado di analizzare le performance del sito per migliorarlo ed aumentare il traffico dei visitatori. Una volta registrato il sito su Analytics,  bisogna incollare su WordPress lo script di tracciamento dei dati generato dal tool nel file header.php o utilizzare un plugin apposito.

Dal momento in cui il codice è operativo, Google Analytics ci fornirà informazioni sul numero di visitatori, sul comportamento degli stessi sul sito, sulle pagine più performanti.

Con la Search Console di Google potrete controllare invece lo stato dell’indicizzazione su Google. È possibile vedere le pagine più visitate e le parole chiave che hanno attivato il nostro snippet sulla classifica di ricerca, nonché la posizione media delle parole chiave rilevate.
Google Search Console ci restituisce anche un rapporto sugli errori dei contenuti duplicati e HTML.

Semrush è uno dei tool a pagamento più completi in grado di offrirci una panoramica completa sull’ottimizzazione del sito grazie ai suoi numerosi strumenti di analisi e reportistica.
Tra le altre cose permette di effettuare l’analisi del dominio e delle singole pagine, la ricerca delle keyword e il tracciamento delle posizioni, tracciare i backlink, effettuare l’analisi del traffico e spiare i competitors.

Chiudi

L’azione è la chiave del successo.

Iscriviti alla nostra mailing list e riceverai consigli pratici per far crescere il tuo business online.